YOGA NIDRA È IL TERRITORIO DEL FARE

In yoga nidra ci troviamo nella condizione di silenzio dei sensi. L’unico a rimanere attivo è il senso dell’udito che ci permette di seguire la traccia di chi ci guida. Nella prima fase il corpo raggiunge uno stato di quiete totale in cui la muscolatura ed il sistema nervoso sono completamente a riposo. Il cervello si sposta su frequenze diverse in cui il nostro “fare” si compie a livello sottile e molto profondo. E’ questa profondità che assicura l’impiantarsi della nostra intenzione in una terra fertile pronta a riceverla e a farla germogliare, allo stesso modo di quando piantiamo un seme in un campo ponendolo in profondità tale da assicurarne lo sviluppo e la crescita.

In questa fase ci siamo allontanati dal nostro io sociale (quello per intenderci con cui le altre persone ci identificano e riconoscono) e disponiamo di una possibilità di azione e creazione che ci avvicinano molto alla libertà.

E’ importante accorgersi che qui entra in campo il nostro IO grande; se noi gli diamo lo spazio per agire e forniamo attenzione costante ai suoi desideri potremo stupirci per quello che  accadrà. Probabilmente arricchiremo la nostra vita quotidiana di gesti, pensieri, azioni nuove. Apporteremo cambiamenti alle nostre abitudini personali, domestiche, lavorative e proveremo perfino una leggera indignazione per quello che fino a quel momento ci sembrava tollerabile e da quello momento tollerabile non lo è proprio più.

Ci sentiremo come quando da bambini ci veniva chiesto cos’avremmo voluto fare da grandi e noi con sicurezza affermavamo i nostri veri sogni, dal diventare astronauta al fare la maestra o il vigile del fuoco. Crescendo il nostro campo visivo si è progressivamente ridotto e con lui il nostro raggio d’azione, con la conseguenza che spesso viviamo solo una “porzione” della nostra vita o addirittura vite costruite per noi da altri.

Con yoga nidra impariamo a ridipingere l’affresco della vita che vogliamo davvero. Impariamo che abbiamo a disposizione una quasi infinita gamma di colori e pennelli con i quali, in senso quanto mai concreto, possiamo modificare lo stato della nostra salute e della vita sociale e lavorativa.

E’ solo questione di allenamento.

Maria F. Rummele